Robba
 



Dante è l’evuluzione puetica di u circondu rumanu

In quellu scrittu, Guidu Benigni ci conta e trasfurmazione di l'arte puetica à l'epica di u nostru gran Dante. Ci mostra dinò cum'è quelle trasfurmazione anu avutu una dimensione propriu pulitica, attraversu u cunflittu tra u Vaticanu, difensore di u latinu, è u Sacru Imperu, chì vulia prumove una nova lingua naziunale. È quell'ultima diventerà simplicemente... u talianu.



Giorgio Vasari, Dante e i poeti
Giorgio Vasari, Dante e i poeti
L’iniziali di a puesia, tale ch’ella fù è tale ch’ella hè oghje, face obbligazione d’una ricerca, ancu s’ella hè breve, à traversu à a Storia. È parlatu di Storia s’intende di quella di a rumanità post latina, vale à dì à partesi di u Duiecentu.
Tandu, esiste dapoi u 1230 una scola puetica, chjamata da Dante I Siciliani. Giacomo da Lentini, creatore di u sunettu, ne hè l’esempiu u più tercanu cun "Io m’aggio posto in core". Simu quì à i premissi di a literatura è di a lingua taliana. Cù i pueti detti "e trè curone", Dante, Petrarca è Boccace, nascerà u "dolce stil nuovo ". U latinu in quelli tempi, lingua vaticana, hè dinù lingua culturale è pulitica di a penisula, ma ancu d’una gran parte di l’Europa.
In lu cumbugliu puliticu è e guerre tra cumune secondu ch’elle sò di u partitu di l’Imperatore (gibellini), o di quellu di u Papa (guelfi), è e litiche di a chjesa, si stabbilisce l’idea chì ùn ci hè chè l’antichità di a lingua per mantene una stabbilità. U latinu hè lingua di i nutabili, di l’elite è di a chjesa rumana, hè dinù quella di a filusufia, di l’astrunumia è di e scenze naturale.
 

E Laude, da u latinu à u « volgare »

In principiu di u Trecentu, a puesia di u circondu talianu, l’isule è a Corsica cumprese, mette in pratica e Laude. Ciò chè in corsu chjamemu e lode. Iniziate per u più da i Franciscani, sò puesie religiose, di spressione orale è impruvisate, di metrica varia è simile à quelle di u latinu, nanzu di passà à un usu più laicu. Senza inviglia literaria, ma quantunque di versu semplice, porghjenu una apertura verdi un publicu più pupulanu.
 
Laudato sie, mi Signore, cum tucte le tue creature,
spetialmente messor lo frate sole,
lo quel'è iorno, et illumini noi per lui.
Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore:
de te, altissimo, porta significatione.
Laudato si, mi signore, per sora luna e le stelle:
in celu l'ài formate clarite et pretiose et belle.
(Canticu di e Criature, vv.5-11)
 
Traduzzione in corsu :
Laudatu sia, mo Signore, cun tutte le to criature,
spezialmente messer fratellu sole,
quellu chì face ghjornu, è illumina à noi.
È ellu hè bellu è radiante cun grande splendore:
di te, altissimu, porta significatu.
Laudatu sì, mo Signore, per sora luna è le stelle:
in celu l’ai furmate chjare è preziose è belle.
 
Mi dicerete s’è voi ci videte una grossa sfarenza cù u corsu… E Laude pie seranu pocu cunsiderate da i cultivati è da i pulitichi chì elli pratecanu una puesia prufana è una literatura à usu anticu, Ovide essendu ne u so maestru.

A scola siciliana è a nascita d’una literatura naziunale

Ci vole à aspettà u 1228 per vede nasce una vera literatura naziunale è chì Dante (più tardi, in fine di u Duiecentu), ricunnosca a Scola siciliana.Federicu II, imperatore di u Santu Imperu Germanicu è rè di Sicilia chì prumove scenze è arte cun Pier della Vigna è d’altri (*), è face nasce un canzoniere scrittu in lingua nova è sbarazzata di tutti i dialetti regiunali. Giacomo da Lentini, fundatore d’issa Scola è amicu di Federicu II, serebbe l’inventore di u sunettu, novu genere pueticu è messu in sesta da i pueti chì l’anu ricunnisciutu cum’è guida.
Issa Scola siciliana ne face sorge un linguaghju literariu, dettu koinè, creatu cù u mischiu di parechji dialetti di l’isula. Dunque un dialettu unificatu è capitu da per tuttu è da tutti, moltu più liatu à e so origine latine. In fatti una lingua naziunale sparta da l’Imperatore chì percorre tutte e so pruvincie senza arretta. À u nordu i Tuscani, induve u canzoniere stà di modu è a pratica di e radiche latine hè presente, renderanu universale issa lingua aldilà di a Sicilia. Si ne ritrovanu e stratte sin’à a Gallura è à l’Alta Rocca (cavallu = cavaddu = cavaddru).
Cù issu carattare universale, a nova lingua venerà in usu à tutti i scrivani taliani è ancu aldilà sin’à in Pruvincia francese. Issa nova lingua laica, prumossa da Federicu II, diventerà in più lingua pulitica vistu l’opposizione di l’Imperatore, trattatu d’antecristu da a Santa Sede, chì ella ùn usa chè di u latinu in tutte e scole.
Ci vole à dì chì Federicu II, natu in e Marche, tenia in simpatia issa lingua disprezzata da l’elite penisulare arampicate à u latinu. Invece chì a sucietà siciliana, ricca di e tradizione arabe, greco-bisantine, francese è ebbreie, rispechjava issa koinè ch’ellu sustenerà. L’Imperatore chì parla perfettamente sette lingue, ferà opera per e sapienze di l’università di Messina è di Napuli.
À partesi di u 1250 i manuscritti siciliani di puesie seranu sparti sin’à Bologna è in Tuscana. In listessu tempu a puesia curtese si spicca da a musica. Diclamata, detta da leghje, senza a cantilena chì permettia à u trovatore di piattà qualchì smenticanza, a lingua diventerà discorsu logicu, assensatu è ragiunatu, è pocu à pocu accettata da l’elite, da i ghjuristi, i letterati è in tutte l’università.

U dolce stil novo è u rollu maiò di a Toscana

L’evuluzione di u mudellu talianu, prumossu cù a canzona, avvicina a puesia da a prosa cù a nascita di u sunettu di Giacomo da Lentini. Dui quatrini chì sponenu u sugettu (abab / abab) è dui terzetti chì facenu a cunclusione (cdc dcd), custituiscenu a spressione breve è netta di u sunettu sicilianu. Tesa è antitesa di tradizione medievale… è chì perdurerà sin’à oghje.
Dante cunsacra, in Vita nova è in Convivio, una bella parte à issa nova forma di puesia. Dopu à Petrarca, cù u so Canzoniere, veru scrittu intimu è innamuratu, tutta l’Europa seguiterà : Bembo, Lorenzo de' Medici, Ronsard, Du Bellay, Shakespeare, ecc. L’ammintà di e passione rimpiazza a presenza di e persone.
Hè cusì chì u dolce stil novo (postu da Guido Guinizelli di Bologna), vene di modu in fine di u Duiecentu. Hè da tandu chì sò cumposte sublime puesie in issi tempi di e Cruciate in Palestina chì spiccanu l’amanti. Ma u versu pueticu resta fidu à a tradizione curtese : verbu medievale, metafure bestiarie o spiculazione casuale di u genere Roman de la rose.  
Resta chì for di l’amore, ùn si pò trattà di pulitica, l’Imperatore ùn accetta nisuna critica è nisuna satira, tutta "libertà di spressione" hè interdetta. A puesia siciliana resta quantunque un divertimentu di ghjente asgiate. A corte di l’Imperatore hè itinerante, centralizatrice è rifiuta l’ingerenza di u Vaticanu in li so affari. Federicu hè per a spicchera di u Statu è di a Chjesa. E relazione s’imbruttanu quandu Federicu accorda ugualità di diritti à musulmani è ebbrei, ch’ellu crea un feudu musulmanu è ch’ellu rifiuta a sottumessa à l’Inquisizione. Risultatu : Federicu II serà scumunicatu da u Papa.
Dopu à trenta anni d’attività, a Scola siciliana scade cù a morte di Federicu II (1250). U figliolu Manfredu li succede ma more in guerra (1266), è a dinastia si spegne. Li succedenu l’Angiovini è tocca à Napuli di diventà capitale, pigliendu u francese è u latinu cum’è lingue officiale.
Da tandu, tuccherà à a Tuscana di priservà a lascita puetica siciliana cun Guittone d’Arezzo (1235-1294), cavaliere è poeta, creatore d’una nova scola. Ancu s’è Dante, in la so De vulgari eloquentia, u tratta di miserinu resta chì u genere curtese si sparghje in la penisula. D’infatti, a qualità tuscana passa per imperfetta vistu chì u so sistema funeticu ùn cumporta chè 5 vucale (a e i o u senza apertura nè chjusura), invece chì u sicilianu (cum’è u corsu), ne conta 7 (a, e chjosu, è apertu, o chjosu, ò apertu, i, u). A lingua di Dante, Bocacce è Petrarca ferà a rinoma di u volgare fiurentinu è cù a norma stabbilita da Bembo nascerà u talianu mudernu.

Eccu, accurtatu un massimu, ciò chì si pò dì di l’evuluzione puetica di u circondu rumanu in lu quale a Corsica hà suttu u so primu latte è chì permette di dì, sinnò d’accertà, chì i nostri pastori sapianu e rime dantesche.
 
Jeudi 30 Septembre 2021
Guidu Benigni


Dans la même rubrique :
< >

Vendredi 29 Octobre 2021 - 12:19 Renouer le lien entre artisanat et élevage

Vendredi 29 Octobre 2021 - 11:11 La biodiversité, par-delà nature et culture